2° Cavalleggeri

2° REGGIMENTO CAVALLEGGERI  -  REGNO DI NAPOLI 1808-1815


L’Associazione Tolentino 815 presenta il primo Gruppo Storico italiano a cavallo, raffigurante un Reggimento dell’Esercito del Regno di Napoli 1808-1815. L’Associazione organizza TOLENTINO 815 – Rievocazione Storica in costume della Battaglia di Tolentino, combattuta il 2 e 3 maggio 1815 tra l’esercito di Giacchino Murat, Re di Napoli, e quello austriaco del Barone Federico Bianchi; considerata da vari storici come la Prima battaglia per l’Indipendenza Italiana.
La manifestazione si realizza, dal 1996, una volta l’anno presso il Castello della Rancia ed il centro storico di Tolentino, la prima domenica del mese di maggio, alternando ricostruzione della battaglia e raduno bande storiche militari.
Partecipano, come rievocatori, i componenti dei Gruppi Storici italiani e stranieri in divisa, equipaggiamento ed armi dell’epoca; effettuano sfilate, manovre, esercitazioni e simulazioni di scontri tra eserciti, e si caratterizza quale unica rievocazione storica militare del Centro Italia. Si tratta di una iniziativa unica, di grande rilievo nazionale ed internazionale, che si può definire un primo esempio di “archeologia sperimentale”.

Il 2° Reggimento Cavalleggeri, derivato dal 2° Cacciatori a Cavallo, partecipò fuori del Regno di Napoli, alla campagna napoleoniche di Spagna del 1809; fu presente a Figueras in Costa Brava, all’assedio di Rosas, di Gerona e di Hostalrich, con comportamento talmente brillante da far pervenire a Murat le lodi del comando francese. Il comandante del 2° Cacciatori, colonnello Malaspina di Fosdinovo, in un rapporto però scriveva di aver perso, tra il 1809 e il 1811, 256 uomini dei 500 che aveva all’inizio.
Ben più dura e sfortunata fu la campagna del 1813 in Germania. Il Re Gioacchino, pur riluttante ad offrire nuove truppe alla causa imperiale, dopo aver impegnato ed in gran parte perso in Russia e in Polonia numerosi soldati, consentì l’invio di due squadroni del 2° Cacciatori; essi comprendevano 22 ufficiali, 541 soldati e 530 cavalli. Il Reggimento partecipò alle battaglie di Limbach, Nossen, Konigsbruck, Scewnitz, Bautzen e Jauer; il comandante duca di Laviano, fu decorato della Legion d’Onore. Ma fu solo uno sprazzo, dato che la campagna si concluse con la terribile sconfitta di Lipsia.
Durante la Battaglia di Tolentino nel 1815, insieme alla Guardia Reale, fu il reggimento di cavalleria maggiormente impegnato negli scontri.  Con decreto dell’11 maggio 1814 veste l’uniforme cilestro (celeste) con mostre amaranto, mentre prima era verde con mostre gialle, e shakot nero; ha in dotazione lance con banderuole amaranto e bianco, oltre al portabandiera, al trombettiere e al capitano con sciabola e sabretache.

Il Gruppo Storico ha partecipato a varie Rievocazioni Napoleoniche in Europa, tra cui Ajaccio, Marengo, San Donato Mi, Martigny (Svizzera), Cassano d’Adda, Novara, Corps (Francia) e Ceva.
Esegue movimentazioni tratte dai manuali militari dell’epoca, presentando la formazione in linea e in colonna, sia al passo che nelle spettacolari “cariche” di cavalleria.
Il Gruppo è composto da dieci persone, tra cui una donna: Paparoni Giammario, Capitani Marcello, Capotosti Stefano, Del Vecchio Tiziana, Eleonori Alberto, Leoni Giancarlo, Mataloni Fabio, Natalini Alessio, Pazzelli Tonino, Vitali Mauro.


 

Video Battaglia di Tolentino del 1815

tn_2_Cavalleggeri.JPG